Fondazione AIDA

Ho preso visione e accetto le modalità di trattamento dei dati personali descritte alla pagina Privacy Policy

Teatro ragazzi

Tanti sguardi verso un’unica direzione

La nostra fondazione nasce nel 1983 da un gruppo eterogeneo di artisti e organizzatori guidato, allora come oggi, da Roberto Terribile. Un gruppo che ha sempre creduto nelle potenzialità espressive del teatro per ragazzi. Un linguaggio capace di veicolare valori che sono alla base di una società civile coscienziosa, rispettosa e umana.

Un linguaggio che al contempo sa divertire le giovani generazioni – e non solo -,  sa catturare l’attenzione rievocando spesso un passato lontano solo in apparenza. 

Negli anni la fondazione attraverso il suo vasto repertorio di spettacoli di teatro per ragazzi è stata più volte anticipatrice di forti tematiche sociali come: bullismo, integrazione, diversità, disagio e problemi alimentari indagando così le diverse sfaccettature di una società in cambiamento

Sguardi sul contemporaneo che abbiamo sempre affrontato grazie all’aiuto di importanti collaborazioni come quella instaurata con: Paola Rodari e Maria Teresa Ferretti (custodi ed eredi dell’opera di Gianni Rodari), Graziella Chiarcossi e Vincenzo Cerami, rispettivamente cugina e allievo di Pier Paolo Pasolini.

Tra le maestranze segnaliamo la collaborazione con: Fabio Mangolini, Andrea Mancini, Manuel Renga e Raffaele Latagliata; ma anche Gianni Volpe, Lorenzo Bassotto, Nicoletta Vicentini, Massimo Lazzeri, Andrea Coppi, Nadia Szimenova, Flora Sarrubbo e Gaetano Miglioranzi.

Ad alcune progettualità hanno partecipato rappresentanti come Maurizio Nichetti (Oh boy!), Paolo Poli (Processo alle verdure), Lele Luzzati e Dario Fo (Pierino e il lupo). 

Ultima grande “tappa” è il coinvolgimento diretto di Pino Costalunga, scrittore esperto di letteratura e teatro per ragazzi, alla direzione artistica. Costalunga ha portato il grande bagaglio di conoscenze, esperienze e il suo modo di fare teatro per ragazzi sviluppato con Glossa Teatro all’interno della nostra istituzione.

Fondazione Aida è inoltre la prima realtà teatrale in Veneto, e dunque anche la più longeva, a essere riconosciuta dal Mibact per l’attività teatrale dedicata ai ragazzi che svolge nelle scuole, per le famiglie, tra gli insegnanti, educatori. Un grande sigillo di qualità.

Tanti sguardi dunque verso un’unica direzione.

È possibile raccontare il Jazz ai bambini come si racconta una favola o si legge una filastrocca? Certo che lo è, e per farlo useremo parole e musica.

Lo spettacolo Avete mai pensato alla celeberrima storia di Hansel e Gretel dal punto di vista della strega? Si proprio quella povera strega affamata di bambini che ha escogitato tanti trucchi per catturare le sue piccole vittime ed infine rimane vittima essa stessa delle sue prede gettata nel forno a bruciare! Ebbene, nella nostra storia […]

Lo spettacolo Tratto da una delle fiabe più note di Oscar Wilde, lo spettacolo racconta la storia di una profonda amicizia che nasce tra un rondinotto e un principe, ormai statua impreziosita da gioielli pregiati. Nonostante l’arrivo imminente dell’inverno, la rondine rimane per aiutare il principe a distribuire le sue ricchezze ai poveri e ai […]

Tratto dall’omonimo racconto di Gianni Rodari, con Pino Costalunga, attore e regista dello spettacolo, e Sivlia Bonanni, abile illustratrice che realizzerà i pupazzi dei personaggi durante la messa in scena.

Una delle favole più belle per l’infanzia, tratto dal celebre racconto di L. Frank Baum che conserva intatto il suo fascino nel tempo. Un meraviglioso viaggio, in quel pericoloso e tortuoso cammino che è il crescere, il diventare grandi. Ci vuole decisamente cervello, cuore e coraggio!

I viaggi sulla luna, ben due e molto prima di Armstrong, quello in Russia, dove si può trovare un cavallo appeso a un campanile, e l’incontro con Vulcano e Venere sono solo alcune delle numerose avventure del Barone di Münchhausen, l’unico abile a volare sulle palle di un cannone.

Spettacolo ispirato alla favola musicale di Sergej Prokofev, registrate dall’Orchestra Verdi di Milano per gentile concessione della rivista Amadeus, con l’indimenticabile voce di Dario Fo nella vesti del Grande Narratore e le scene e illustrazioni di Emanuele Luzzati

Spettacolo disponibile in inglese / also available in English

Lo spettacolo è ispirato all’omonimo libro di Mario Lodi, maestro rivoluzionario creatore insieme ai suoi ragazzi di una storia complessa, che descrive gli aspetti gioiosi ma difficili della crescita. Un piccolo quadro animato dove immagini di fiaba legati al mondo della natura si mescolano a effetti interattivi con il pubblico.

Lo spettacolo è una rivisitazione della favola nota a tutti con musiche che passano dal rock leggero ad un accattivante stile country. Le sue orecchiabili melodie coinvolgono i bambini e proiettano i più grandi in un’atmosfera gioiosa.

Tratto dalla celebre fiaba Il Brutto Anatroccolo dell’autore danese Hans Christian Andersen che contiene un impressionante elemento di attualità: la diversità discriminata. In scena tre strani personaggi tutti in qualche modo un po’ “brutti” e un po’ “diversi” e forse per questo hanno la pessima abitudine di prendere in giro il prossimo.

Lo spettacolo è liberamente tratto dal famoso romanzo di Mary Shelley e tratta temi importanti quali la tolleranza, la marginalità e l’amore. Piccoli numeri di grande comicità che si ispirano alla commedia dell’arte e al clown rendono la proposta divertente e adatta a diverse fasce dì età.

Uno spettacolo dedicato al genio di Leonardo da Vinci. Un’avventura magica per far riflettere i più piccoli su quanto sia prezioso lo studio, l’esplorazione e l’interesse per la natura, attraverso canzoni, invenzioni, un balletto, un pupazzo, due attori, teatro e tanta magia!

Un sempreverde di Fondazione Aida, allestito con Glossateatro e Papagena (Norrköping – Svezia) che ha ottenuto il plauso della famiglia Lindgren oltre che il PREMIO BIGLIETTO D’ORO AGIS- ETI per il successo di pubblico conseguito nella stagione 2007-2008.

Uno spettacolo teatrale dall’omonimo romanzo di Vamba (Luigi Bertelli), dove la vitalità e la purezza infantile si scontrano con un mondo di adulti più attento agli interessi personali e indubbiamente più ipocrita.

Uno spettacolo liberamente ispirato alla Carta dei Diritti dei Bambini, nato all’interno del progetto europeo Rights4Kids.

Dall’omonimo racconto di Rudyard Kipling, uno spettacolo fatto di straordinarie avventure e amicizie ambientate nella giungla, metafora del mondo.

Un invito ad un’alimentazione sana per una crescita armoniosa, attraverso gli strumenti del teatro, che coinvolge i giovani spettatori con l’allegria, il divertimento e le emozioni che gli sono proprie.

Alice e i diritti delle Meraviglie è uno spettacolo che farà riflettere sia bambini che adulti. Attraverso i personaggi del celebre romanzo si tratterà il tema dei diritti dell’infanzia. Testo ispirato a “Il grande libro dei diritti dei bambini” di Amnesty International.

Uno spettacolo ispirato al testo di Gianni Rodari. Una storia di Natale che vi farà sognare. Riusciranno i bambini a ricevere i doni dalla Befana? Scopritelo con noi!

Tratto da “Le quattro stagioni” di Chiara Carminati e illustrato da Pia Valentinis, entrambe Premio Andersen, e dalle musiche di Antonio Vivaldi lo spettacolo è un viaggio sulle ali della musica, tra parole e immagini, per condurre i bambini alla scoperta delle stagioni attraverso l’ascolto del racconto musicale.
Lo spettacolo è vincitore del prestigioso premio “Briciole di fiaba 2012”.

Tratto dal Pollicino di Charles Perrault, il nostro Pollicino dopo molti anni dalla nota avventura va a trovare il fatidico Orco che troverà vecchio ed ingrassato…

Tratto dall’omonimo libro di Aldo Cazzullo, giornalista e scrittore del Corriere Della Sera, lo spettacolo si rivolge ai figli e a tutti i ragazzi invitandoli a non confondere la vita virtuale con quella reale.
Lo spettacolo nasce nell’ambito del progetto FUORI DALLA RETE – Percorsi educativi all’uso del web, ideato da Fondazione Aida in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ULSS 9 Scaligera, Prospettiva Famiglia e “Scuola e territorio – Educare insieme” col patrocinio del Comune di Verona – Politiche giovanili.

Uno spettacolo tratto dal grande classico “Il diario di Anne Frank” che affronta uno dei periodi più bui della storie mondiale: la follia nazifascista ed il razzismo al tempo della Seconda Guerra Mondiale. Attraverso la storia di Anne la regista Selene Farinelli, intende dare un messaggio di speranza al giovane spettatore, invitandolo a confidare ancora nell’umanità delle persone come ci credeva, nonostante tutto, la giovane protagonista.

Il segreto degli invincibili racconta uno dei periodi più bui della storia italiana ed europea, quello della follia nazifascista durante la Seconda Guerra Mondiale attraverso la storia, unica, di Ernő Erbstein, calciatore prima e allenatore poi, che ha saputo creare il mito di una delle squadre di calcio che ogni italiano ha nel cuore: il Grande Torino.

Lo spettacolo   C’era una volta…un re. No, c’era una volta un pezzo di legno. Nemmeno. C’era una volta il teatro… Lo spettacolo sta per avere inizio. Il pubblico è già seduto. Entra l’attore con l’immancabile valigia ed un gran nasone. Ed ecco che entra l’attore con l’immancabile valigia e un altro gran nasone. “L’hai […]

Resta in contatto con noi!

Compilando correttamente il modulo che segue, ti aggiornaremo su spettacoli, eventi, iniziative della fondazione

Seleziona i tuoi interessi

Quando invii il modulo, controlla la tua posta in arrivo per confermare l'iscrizione. La tua iscrizione non sarà attiva finchè non verrà confermata