Fondazione AIDA

Fondazione AIDA

IT

    Ho preso visione e accetto le modalità di trattamento dei dati personali descritte alla pagina Privacy Policy

    Non superare le dosi consigliate

    Non_superare_le_dosi_consigliate

    Liberamente tratto tratto dall’omonimo libro di Costanza Rizzacasa d’Orsogna.
    Il tema trattato è l’incapacità di accettarsi fisicamente spesso dovuta al body shaming.

    Non superare le dosi consigliate è liberamente tratto dall’omonimo libro di Costanza Rizzacasa d’Orsogna.
    Il tema trattato è molto importante e molto diffuso: l’incapacità di accettarsi fisicamente spesso dovuta al body shaming.

    L’ obiettivo è offrire punti di vista diversi, alternative e spunti di riflessione sul fatto che dobbiamo piacere innanzitutto a noi stessi, accettandoci e decidendo, nel caso di migliorarci perché ci vogliamo bene, non perché non piacciamo agli altri.

    Questo spettacolo, che tratta un tema molto importante soprattutto in età evolutiva, si rivolge principalmente ad un pubblico di adolescenti. Non si intende dare soluzioni, ma far riflettere sulla possibilità di non subire il body shaming.

    Nel percorso narrativo, che sarà condotto da due attori, si utilizzeranno brani del libro ispiratore, per dare spunti di riflessione importanti e necessità di introspezione: questo farà sì che lo spettatore (al quale verrà implicitamente ed esplicitamente chiesto di diventare co-protagonista) possa, a sua volta, dare voce si propri ricordi ed emozioni ad essi collegate, ed esporre i suoi disagi, dubbi e timori.

    Lo spettacolo utilizzerà un tempo di disponibilità dopo la conclusione per aver modo di partecipare ad un dibattito inerente sia ai temi affrontati nell’azione scenica sia con eventuali importanti esperienze personali che assistere allo spettacolo potrebbe aver riportato a galla.

    Faremo riferimento anche al grande ruolo che hanno oggi i social e la manipolazione relativa alle immagini utilizzando applicazioni specifiche che permettono di modificare le fotografie, ma che poi, conducono ad un isolamento sempre più profondo: non si può mostrare la vera fisicità che non può essere all’altezza dei falsi miglioramenti.

    Lo spettacolo può essere rappresentato non solo nei teatri, ma anche nelle scuole o in spazi non convenzionali. Gli attori, infatti, saranno in mezzo agli spettatori.
    La messa in scena sarà estremamente agile ed usufruirà di luoghi scenici e attrezzerie più che di scenografie vere e proprie.

    La scrittrice – Costanza Rizzacasa d’Orsogna, giornalista e saggista, lavora al Corriere della Sera, dove si occupa di letteratura e cultura americane per il supplemento la Lettura. Ha curato Storia di mio padre di Stefano Cagliari (Longanesi 2018) e nel 2020 ha pubblicato per Guanda il suo primo romanzo, Non superare le dosi consigliate.

    Dettagli

    • Tratto dal libro di Costanza Rizzacasa D’Orsogna
    • Testo e Regia di Rita Riboni
    • Con: Stefano Colli e Mariangela Diana
    • Le musiche originali sono di: Stefano Colli
    • Produzione di Fondazione AIDA
    • Età: Dai 13 anni in su

    Immagini

    Download

    Condividi

    Resta in contatto con noi!

    Compilando correttamente il modulo che segue, ti aggiornaremo su spettacoli, eventi, iniziative della fondazione








    Privacy Policy

    Quando invii il modulo, controlla la tua posta in arrivo per confermare l'iscrizione. La tua iscrizione non sarà attiva finchè non verrà confermata