Fondazione AIDA

Ho preso visione e accetto le modalità di trattamento dei dati personali descritte alla pagina Privacy Policy

Processo alle verdure

Un invito ad un’alimentazione sana per una crescita armoniosa, attraverso gli strumenti del teatro, che coinvolge i giovani spettatori con l’allegria, il divertimento e le emozioni che gli sono proprie.

Lo spettacolo è ispirato a Processo alle verdure – vizi e virtù alimentari degli ortaggi di Roberto Luciani.

 

Trama

 

Carlotta è stata mandata a letto senza cena perché non voleva mangiare il minestrone. Si rigira nel letto arrabbiata e… affamata! In fondo, che colpa ne ha lei se le verdure non sono buone? Nessuna! La colpa è delle verdure stesse. Certo, se sapessero di caramella o di cioccolata le mangerebbe, ma sanno di… Di che cosa sanno? Carlotta non lo sa, perché… non le ha mai assaggiate! Prima di addormentarsi, Carlotta medita di trovare una soluzione drastica per liberarsi degli ortaggi e pensa che, se lei fosse il sindaco, farebbe una legge per far gettare tutte le verdure nella spazzatura!

Nel cuore della notte accade quello che può accadere solo nei sogni o nelle fiabe: la bambina viene svegliata dalla voce del sindaco, che ha sentito la proposta di eliminare le verdure, e, da due fotografie, escono il nonno e la nonna in persona.

Ci sono quindi elementi sufficienti per iniziare… un processo! Un processo allegro e grottesco, che mette in luce i pregi e i difetti delle verdure. Ma non basterà a emettere un verdetto che dichiari la colpevolezza o l’innocenza, e allora perché non continuare con un gioco, il “gioco degli assaggi” e con una festa, la “festa della verdura”, per poi scivolare di nuovo, piano piano, in un dolce sonno che, al risveglio, faccia spuntare nella mente di Carlotta il germoglio di un dubbio: e se le verdure fossero buone?!?

 

La trama si snoda in un susseguirsi di colpi di scena, canzoni e situazioni divertenti, in bilico tra il sogno e la realtà. La scenografia è composta da un enorme letto, sul quale Carlotta, il nonno e la nonna giocano, cantano, ridono e danno vita, attraverso l’uso di sagome, alle verdure. La voce del sindaco è quella inconfondibile e ironica di Paolo Poli, che impreziosisce lo spettacolo come un merletto.

 

Certo i bambini non usciranno dallo spettacolo con la voglia irresistibile di ingozzarsi di verdure (o di mangiare i cavoli… a merenda!), ma forse, anche in loro, sorgerà lo stesso dubbio di Carlotta e decideranno almeno di… assaggiarle!

Musiche e audiolibro

Ascolta le musiche e l’audiolibro su Spotify e sulle altre piattaforme streaming!

 

Dettagli

Crediti

  • Produzione: Fondazione Aida – Camst – Giunti progetti educativ
  • Voce: Paolo Poli
  • Adattamento teatrale: Massimo Lazzeri
  • Con: Fabio Slemer, Stefania Carlesso e Mariangela Diana
  • Musiche: Andrea Faccioli
  • Canzoni: Massimo Lazzeri
  • Arrangiamenti: Diego Moser
  • Luci: Stefano Mazzanti
  • Scene: Stefano Coccurello
  • Tecnico audio e luci: Riccardo Carbone
  • Regia: Massimo Lazzeri
  • Pupazzi: Nadia Simeonova
  • Tecnica utilizzata: Teatro d’attore, pupazzi
  • Durata: 50 minuti
  • Fascia d’età: dai 3 anni

Immagini

Video

Download

Condividi
Facebook Twitter

Resta in contatto con noi!

Compilando correttamente il modulo che segue, ti aggiornaremo su spettacoli, eventi, iniziative della fondazione

Seleziona i tuoi interessi

Quando invii il modulo, controlla la tua posta in arrivo per confermare l'iscrizione. La tua iscrizione non sarà attiva finchè non verrà confermata