Ho preso visione e accetto le modalità di trattamento dei dati personali descritte alla pagina Privacy Policy

    Ero un bullo

    Dedicato alle seconde possibilità.

    Una scenografia minimale, elementi scenici ridotti all’essenziale, per lasciare spazio alla relazione. La musica rap come punto di riconoscimento, tra inciampi e risalite.

    Lucia Messina, regista

    Nessuno avrebbe scommesso un centesimo su Daniel. Eppure quello che sembrava un destino già scritto, prende una piega inaspettata dopo che Daniel incontra degli adulti credibili. Si parla di temi di stretta attualità: bullismo, devianza giovanile, baby gang, dispersione scolastica, ma è anche una chiamata all’azione per gli adulti: che esempio diamo ai nostri ragazzi, come possiamo intervenire, che fare e che cosa non fare?

    Andrea Franzoso

    Tratto dall’opera ERO UN BULLO. La vera storia di Daniel Zaccaro di ANDREA FRANZOSO
    edito da De Agostini Libri S.r.L. www.deagostinilibri.it

    “Ricordati sempre che nella vita non esiste un copione già scritto. Fino all’ultimo puoi decidere di cambiare il finale.”

    Ero un bullo è uno spettacolo teatrale che si fa progetto educativo. Racconta ai ragazzi una storia di crescita e di cambiamento che attraversa tutte le età dell’adolescenza raccontando stati d’animo, necessità, relazioni ad ognuna di esse. Una storia forte perché parla di un’escalation di trasgressioni, di una continua e insoddisfatta ricerca di risposte, costellata da picchi di onnipotente euforia e da pesanti momenti di caduta. Trova infine un punto di arrivo, quasi un compimento, nella scelta

    maturata in questa graduale presa di coscienza: la scelta di diventare educatore; di accompagnare quindi altri ragazzi lungo lo stesso percorso.

    Uno spettacolo di prosa dal grande valore sociologico e rivolto a tutti, soprattutto ai ragazzi della scuola di secondo grado, alle famiglie, agli insegnanti, agli educatori e a tutti coloro che credono che non sia mai troppo tardi per ricominciare, magari proprio a partire dai nostri errori e fallimenti.

    Il debutto è in programma mercoledì 19 giugno, ore 21.00, a Verona, presso il Cinema Teatro San Michele (Via Vincenzo Monti, 7C – 37132).
    Una produzione di Fondazione Aida.
    L'evento a Verona è organizzato in collaborazione con l’Assessorato all’Istruzione del Comune di Verona e la Settima Circoscrizione del Comune di Verona.

     

    Recensioni

    Crediti

    Regia Lucia Messina
    Con Lorenzo Feltrin, Giulia Lacorte ed Enrico Ferrari
    Tecnico audio-luci Riccardo Carbone
    Scenografia Federico Balestro
    Sound Design Andrea Santini

    Età consigliata: da 11 anni
    Durata: 60 minuti

    In collaborazione con

    Condividi

    Resta in contatto con noi!

    Compilando correttamente il modulo che segue, ti aggiornaremo su spettacoli, eventi, iniziative della fondazione








    Privacy Policy

    Quando invii il modulo, controlla la tua posta in arrivo per confermare l'iscrizione. La tua iscrizione non sarà attiva finchè non verrà confermata