Fondazione AIDA

Ho preso visione e accetto le modalità di trattamento dei dati personali descritte alla pagina Privacy Policy

Il Barone di Münchhausen

I viaggi sulla luna, ben due e molto prima di Armstrong, quello in Russia, dove si può trovare un cavallo appeso a un campanile, e l’incontro con Vulcano e Venere sono solo alcune delle numerose avventure del Barone di Münchhausen, l’unico abile a volare sulle palle di un cannone.

Lo spettacolo

I fantomatici viaggi di questo ufficiale realmente vissuto nel 18° secolo. Uno straordinario eroe senza macchia e senza paura che affronta ogni paradossale situazione con forza e una calma invincibili, sono oggetto di questo nuovo spettacolo.

Nello spettacolo si riprendono alcune di queste avventure in un’età di ragione e sentimenti più consolidati, in un periodo dove spesso è difficile distinguere il falso dal vero, dove le “fake news” sono scambiate per verità dimostrate. Forse anche a causa di un eccesso di tecnologia e abbondanza di informazioni. E tra le pieghe di quella carta ingiallita, grazie a un gioco di ruoli tra Barone e servitore, passato e presente, si scopre che le ‘avventure’ del Barone rappresentano lo zibaldone fantastico e disordinato del secolo XVIII. Un secolo in cui l’uomo mise piede e mano per uscirne diverso da quello che era prima. Trasformato, ‘rivoluzionato’, con un recipiente colmo di conquiste, ma anche inesorabili incognite. Così se da un lato il Barone di Münchhausen è frutto di una fantasmagoria illimitata, dall’altro le sue avventure rimandano alla realtà di un’epoca di attività incessante, caratterizzata dal trionfo della ragione, in cui si collocano i primi pioneristici viaggi extracontinentali e nuove straordinarie scoperte scientifiche.

 

Note di regia

Confrontarci oggi – spiega Pino Costalunga – con quell’abile “narratore”, nonché indomito “raccontatore di bugie” che è il Barone di Münchhausen, vuol dire cercare di tracciare un confine tra credulità e immaginario fantastico, tra realtà e sua rappresentazione, tra la capacità di inventare per gioco e per malizia”.

Dettagli

  • produzione: Fondazione Aida
  • regia di: Pino Costalunga
  • scene: Gilda Li Rosi
  • con: Davide Lazzaretto, Fabio Slemer
  • tecnico audio/luci: Mattia Cunico

 

  • durata: 60 minuti
  • fascia d’età: dai 6 ai 10 anni

Immagini

Download

Condividi
Facebook Twitter

Resta in contatto con noi!

Compilando correttamente il modulo che segue, ti aggiornaremo su spettacoli, eventi, iniziative della fondazione

Seleziona i tuoi interessi

Quando invii il modulo, controlla la tua posta in arrivo per confermare l'iscrizione. La tua iscrizione non sarà attiva finchè non verrà confermata