Ho preso visione e accetto le modalità di trattamento dei dati personali descritte alla pagina Privacy Policy

    Cosa fai stasera?

    Vai a teatro ogni settimana oppure non ci vai mai?

    Per questa indagine non fa differenza!
    I tuoi gusti, le tue preferenze e le tue opinioni possono comunque essere di grande aiuto per sviluppare programmi ed esperienze sempre migliori.
    Ti basteranno al massimo 5 minuti per rispondere a poche semplici domande in maniera completamente anonima.

     

    Per saperne di più

    Questa ricerca è promossa dalla Rete RSVP di Verona, composta da: Fondazione Aida, Fondazione Atlantide, Arte3 aps, Babilonia Teatri, BAM! BAM! Teatro, Casa Shakespeare, Ersilia Danza, Fucina Culturale Machiavelli, Ippogrifo Produzioni, Associazione Culturale Mitmacher, Modus, Punto in Movimento, Teatro Scientifico – Teatro Laboratorio, Zebra Cultural Zoo.

    Gilda e Fido, una fiaba gentile al Teatro Stimate

    Gilda e Fido | Teatro Stimate

    Teatro Libero di Palermo

    Un racconto intimo, gentile e delicato, una fiaba che incanta il pubblico. In un dialogo tra un cane e una bambina lo  spettacolo ricorda che un cane non è un giocattolo di cui disporre a piacimento, ma un essere vivente con una propria sensibilità.
    È utile imparare ad osservarlo per conoscerlo e costruire con lui una relazione basata su tre valori fondamentali: rispetto, fiducia e libertà.
    Età 6-12 anni

    → domenica 17 marzo, ore 16.30, Teatro Stimate (via Carlo Montanari, 1 Verona)

    E’ possibile accedere con coupon giallo A Teatro con Fidaty di Esselunga

    Trama

    Gilda, una bambina di dieci anni, incontra Fido, un cane randagio con un passato turbolento. Da qui si sviluppa una riflessione attorno a diverse tematiche inerenti l’adozione dei cani, l’importanza che hanno nella crescita di un bambino, ma anche le problematiche che spesso inducono al loro abbandono, con gravissime conseguenze. L’incontro tra un essere umano ed un animale, non meno che quello tra due uomini, determina una esperienza di vita.
    Pertanto, come ogni relazione, richiede che si impari a tenere conto dell’altro e ci si rivolga a lui con delicatezza e responsabilità.
    Lo spettacolo accompagna alla scoperta dell’universo emotivo che un cane comunica attraverso il suo corpo.

    Cast

    • regia Giada Costa e Giuseppe Vignieri
    • da un progetto di Beno Mazzone
    • luci Fiorenza Dado
    • di e con Giada Costa e Giuseppe Vignieri

    Partner

    Lo spettacolo è inserito nel cartellone di Famiglie a teatro 2023-24, rassegna organizzata in collaborazione con il Comune di Verona Assessorato all’Istruzione, la Fondazione Banca Popolare di Verona.

     

    Favole al Telefono | Teatro Dim

    Forse sono rimaste intrappolate proprio in quel telefono abbandonato che qualcuno ha lasciato davanti alla porta dei nostri amici Aggiustatelefoni ….

    Favole al telefono una “fiaba in musica” dedicata a tutta la famiglia, che raccoglie alcune delle più celebri favole e filastrocche di Gianni Rodati inserendole all’interno di una trama completamente originale in grado di parlare ai bambini di oggi e a quelli di allora.

    Storie che in Favole al telefono torneranno a prendere vita sulla scena in un vero e proprio carosello musicale sotto forma di canzoni, racconti, filastrocche e piccoli numeri di varietà.

     

    Favole al telefono

    Castelnuovo del G. (VR), dom.  17 marzo, ore 16.00, Teatro Dim  (Via S. Martino, 4)

     

    Storie, quelle di Rodari, che non conoscono il passare del tempo, che conservano immutate le doti originali di eleganza, ironia e freschezza che da sempre costituiscono i punti di forza di quella inesauribile capacità di invenzione che sapeva coniugare con la puntuale, seria e civile osservazione della realtà contemporanea.

    Cast

    L’adattamento teatrale e la regia sono firmati da Pino Costalunga, autore esperto di letteratura per l’infanzia, gli interpreti sono Matteo Fresch e Alice Canovi nelle vesti di due strani e improbabili, ma simpaticissimi Aggiustatelefoni.
    Completano il team creativo Andrea Coppi, scenografie, Antonia Munaretti, costumi.

    Musiche

    Le musiche, tutte originali, sono state composte dal Maestro Valentino Corvino, che ha messo la sua esperienza al servizio di uno spettacolo che gioca con i vari generi  musicali, tra questi, in particolare, si guarda al garbo e alla delicatezza del Quartetto Cetra.
    E proprio partendo dai brani orecchiabili, dai testi allegri ma con arrangiamenti raffinati del leggendario quartetto (si ricorda l’interpretazione de Le favole dove stanno della celebre Lucia Mannucci) che le favole torneranno a prendere vita sulla scena risvegliando la voglia di inventare e di giocare con la fantasia.

     

     

     

    Pollicino non ha paura dell’orco | Auditorium Vivaldi

    “La vicenda di Pollicino, quale metafora della vita, – spiega Pino Costalunga, regista e interprete – rappresenta quel continuo divenire di sentimenti e di esperienze necessarie affinché si compia il passaggio fondamentale di crescita e scoperta del se e dell’altro, una crescita consapevole e critica di fronte alle bellezze, alle vicende meravigliose e alle avversità della vita”.

    Dopo aver sconfitto l’orco, e a qualche anno di distanza, Pollicino affronta nuovamente il bosco per incontrare il suo vecchio amico/nemico. Scopre che è diventato vecchio, saggio, ma anche debole e stanco, tanto da non far più paura a nessuno.

    Con Pino Costalunga ed Enrico Ferrari, musiche originali di Ian Lawrence Mistrorigo.
    Regia Pino Costalunga

    Pollicino non ha paura dell’0rco è in programma domenica 24 marzo, ore 16.30, Auditorium Vivaldi di Cassola.

     

    Family Show Grisù | Audizione

    Cerchiamo ottimi cantanti e attori con una buona predisposizione al movimento, alla danza e al teatro fisico da inserire nel cast del nuovo family show dedicato a Grisù, il cartone ideato dai fratelli Pagot (Toni e Nino, pionieri dell’animazione italiana e inventori, tra l’altro, del pulcino Calimero).

    Mondo TV Group che ha assunto Grisù tra i suoi brand dando alle vicende del simpatico draghetto nuova linfa grazie agli episodi in onda su Rai YoYo, ha concesso a Fondazione Aida i diritti per la trasposizione teatrale:  per la prima volta nella storia del franchise, Grisù calcherà i palcoscenici in una commedia musicale adatta al pubblico delle famiglie.

    Per questo ambizioso progetto cerchiamo in particolare: un tenore pop (Grisù), una soprana/pop (Stella), un basso/baritono pop (David e Fumè) e una mezza soprana/contralto pop (Malasorte).

    I quattro performer verranno scelti attraverso il bando di audizione (i dettagli per partecipare sono disponibili di seguito) lavoreranno con un team artistico di comprovata esperienza nel settore del musical, del teatro d’opera e prosa. La commedia musicale sarà diretta da Manuel Renga, che ha scritto anche la drammaturgia con Marco Pagot, figlio di Nino, le musiche sono di Francesco Lori. Coreografie di Giuseppe Brancato.

    • La scadenza per l’invio delle candidature è il 6 marzo 2024.
    • Ai candidati prescelti verrà fornito il materiale per un provino che si terrà il 25 marzo al Teatro Filippini di Verona.

    Una produzione: Fondazione Aida ets, Centro  Servizi  Culturali Santa Chiara, Fondazione Atlantide Teatro Stabile di Verona e Associazione A.T.T.I. aps.
    Con il sostegno di Fondazione Caritro.

     

     

     

     

     

    Incontro con Davide Costa dei PERATOONS

    Incontriamo l’autore e lo sceneggiatore Davide Costa per scoprire tutti i loro segreti in un incontro che vi farà piangere…dal ridere!

    • Mercoledì 13 marzo 2024, ore 17.30, presso la Biblioteca Comunale di Cassola (Piazza Europa, 1)

     

    Cogito Ergo Sum

    Due spettacoli di prosa che affrontano tematiche di rilevanza evidente nella lettura della contemporaneità che
    esplorano codici e letture utili all’approfondimento e alla riflessione sull’oggi utilizzando il linguaggio mediato del teatro con una politica di prezzi a maggiore accessibilità.

    Franco Berrino in Fermare il tempo

    Sabato 2 marzo 2024

    Ingresso libero

    Fermare il tempo. Piccole dosi di cibo e benessere (Solferino)

    Nel suo nuovo libro Franco Berrino traccia le istruzioni per alimentarsi con giudizio e non ammalarsi. Da cosa partire? Dalla scelta degli ingredienti che si portano in tavola. Mangiare una varietà di cibi naturali piuttosto che le manipolazioni industriali dei cibi è uno dei principali segreti per vivere più a lungo e felici. Lo spiega in questo libro che raccoglie le «piccole dosi di saggezza» del medico e maestro riconosciuto della sana alimentazione. Un volume ricco di ricette e consigli di salute per accorgersi tutti i giorni della bellezza della vita.

    Franco Berrino

    Medico ed epidemiologo, ha diretto l’Unità di Epidemiologia e il Dipartimento di Medicina Preventiva e Predittiva dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano. Nel 2015 ha fondato, con Enrica Bortolazzi, l’associazione «La Grande Via» per promuovere la prevenzione e la longevità in salute.

     

    Resta in contatto con noi!

    Compilando correttamente il modulo che segue, ti aggiornaremo su spettacoli, eventi, iniziative della fondazione








    Privacy Policy

    Quando invii il modulo, controlla la tua posta in arrivo per confermare l'iscrizione. La tua iscrizione non sarà attiva finchè non verrà confermata