Ho preso visione e accetto le modalità di trattamento dei dati personali descritte alla pagina Privacy Policy

    Favole al Telefono

    Fiaba in musica che raccoglie alcune delle più celebri favole e filastrocche di Gianni Rodari

    Lo spettacolo

    Ma dove saranno finite le storie piene di fantasia che il ragionier Bianchi, era solito raccontare al telefono alla sua bimba ogni sera prima che questa si addormentasse? Che fine hanno fatto le dolcissime strade di cioccolato? I saporitissimi palazzi di gelato? Le tabelline paradossali?

    Forse sono rimaste intrappolate proprio in quel telefono abbandonato che qualcuno ha lasciato davanti alla porta dei nostri amici Aggiustatelefoni ….

    Storie, quelle di Rodari, che non conoscono il passare del tempo, che conservano immutate le doti originali di eleganza, ironia e freschezza che da sempre costituiscono i punti di forza di quella inesauribile capacità di invenzione che sapeva coniugare con la puntuale, seria e civile osservazione della realtà contemporanea.

    Storie che in Favole al telefono torneranno a prendere vita sulla scena in un vero e proprio carosello musicale sotto forma di canzoni, racconti, filastrocche e piccoli numeri di varietà.

    L'adattamento teatrale e la regia sono firmati da Pino Costalunga, autore esperto di letteratura per l'infanzia, gli interpreti sono Matteo Fresch e Alice Canovi nelle vesti di due strani e improbabili, ma simpaticissimi Aggiustatelefoni.

    Le musiche, tutte originali, sono state composte dal Maestro Valentino Corvino, che ha messo la sua esperienza al servizio di uno spettacolo che gioca con i vari generi musicali, tra questi, in particolare, si guarda al garbo e alla delicatezza del Quartetto Cetra. E proprio partendo dai brani orecchiabili, dai testi allegri ma con arrangiamenti raffinati del leggendario quartetto (si ricorda l’interpretazione de Le favole dove stanno della celebre Lucia Mannucci) che le favole torneranno a prendere vita sulla scena risvegliando la voglia di inventare e di giocare con la fantasia.

    La struttura drammaturgica di questo musical - spiega il Maestro Corvino - mette in fila favole che creano tanti piccoli mondi divertenti e spesso surreali. Questo materiale mi ha dato lo spunto per comporre attingendo ai più diversi

    linguaggi musicali in un continuo esercizio di stile che fosse il più possibile funzionale al racconto. Ma, come avviene nei testi di Rodari, alla leggerezza di gran parte della narrazione musicale si alternano momenti legati ad un’espressione più intima, perché il fine ultimo di queste favole non è il puro intrattenimento ma l’educazione dei più giovani alla riflessione ed all’utilizzo della fantasia”.

    Sinossi

    In scena due strani e improbabili, ma simpaticissimi Aggiustatelefoni che da tempo ormai non hanno più telefoni da aggiustare. Ma ecco che, proprio nel bel mezzo del loro annoiato far nulla , qualcosa succede: un vecchio telefono viene abbandonato davanti alla porta del loro negozio\laboratorio con un bigliettino d’accompagnamento : appartiene a una signora che quando era bambina, il papà, agente di commercio di medicinali sempre in giro per l’Italia, era solito chiamare ogni sera, ovunque si trovasse, per raccontarle una favola prima di dormire. Le favole sono molto corte, perché telefonare, a quel tempo, costava assai e il nostro viaggiatore di commercio non poteva permettersi grandi spese. Dunque: favole corte, ma bellissime!.

    Ora tutte quelle belle storie sono rimaste intrappolate dentro il telefono e non riescono più ad uscire. Ecco allora che i Nostri Aggiustatelefoni hanno trovato di nuovo il modo per essere utili e grazie a loro   le favole torneranno di nuovo magicamente a prendere vita.

    Musiche

    Ascolta le musiche di Favole al Telefono su Spotify, AppleMusic e sulle altre piattaforme di streaming musicale!

     

    Recensioni

    Crediti

    • Produzione di: Fondazione Aida ets
    • Regia e adattamento: Pino Costalunga
    • Musiche originali: Maestro Valentino Corvino
    • Scenografie: Andrea Coppi
    • Costruzioni: Guglielmo Avesani
    • Costumi: Antonia Munaretti

    Cast

    • Aggiustatelefoni: Matteo Fresch
    • Aggiustatelefoni: Alice Canovi

    Staff Tecnico

    • Light Designer: Riccardo Carbone
    • Tecnici: Riccardo Carbone, Federico Balestro
    • Fonico: Salvatore Barresi
    • Illustrazioni: Letizia Depedri

    Altri dettagli

    • fascia d’età: dai 5 anni
    • durata: 1 ora
    Condividi

    Resta in contatto con noi!

    Compilando correttamente il modulo che segue, ti aggiornaremo su spettacoli, eventi, iniziative della fondazione








    Privacy Policy

    Quando invii il modulo, controlla la tua posta in arrivo per confermare l'iscrizione. La tua iscrizione non sarà attiva finchè non verrà confermata