Fondazione AIDA

Fondazione AIDA

IT
EN

    Ho preso visione e accetto le modalità di trattamento dei dati personali descritte alla pagina Privacy Policy

    Campus Teatrale Musicale

    Seppur divertente, coinvolgente e avventurosa, l’obiettivo di Campus Teatrale Musicale è quello di far vivere percorsi di teatro e didattica musicale all’interno di una comunità che mette a disposizione quanto di più positivo ognuno di noi può dare agli altri, con momenti di gioco e un’ulteriore sezione sul movimento e la gestione del corpo assieme a un’operatrice esperta di danza.

    Quali sono i valori di riferimento che proponiamo al Campus Teatrale Musicale?
    Essi sono l’educare all’autonomia, all’essenzialità e al rispetto reciproco attraverso le forme artistiche.

    Programma

    Per l’estate 2022 abbiamo pensato a uno speciale Campus a tema musicale e teatrale che mette al centro la natura come motore per la nostra immaginazione. Nello splendido parco del Giarol Grande, ci divertiremo a mescolare e interpretare le fiabe più belle e famose che ci siano (da “La Foresta-radice-labirinto” di Calvino a “Cappuccetto Rosso”, da “Hansel e Gretel” a “Pierino e il Lupo”). Si sa, nel bosco tutto è possibile e le storie singole possono incontrarsi e fondersi in un’unica grande storia! Giocheremo a far incontrare queste fiabe tra loro chiedendoci: Si può perdersi in una fiaba?
    E se questa fiaba fosse ambientata in un bosco talmente fitto in cui è difficile distinguere le radici dai rami? Come fanno cappuccetto rosso ed Hansel e Gretel a percorrere il bosco senza perdersi? E il lupo si farà sentire?
    Grazie al bellissimo spazio aperto del Giarol Grande, potremo cercare gli ambienti giusti per la composizione della nostra storia scoprendo che forse nel bosco ci si può perdere ma si può anche intraprendere un viaggio che porta a riscoprire sé stessi. Indagheremo e scopriremo i vari suoni del bosco e, grazie al laboratorio musicale, creeremo gli strumenti per la colonna sonora della nostra storia.

    Un modo divertente per avvicinare i bambini e i ragazzi al mondo del teatro e della musica in un contesto immerso nella natura.

    Operatori

    Come già riportato, durante il campus i bambini saranno seguiti da Alice Canoci e Annachiara Zanoli, operatrici teatrali e musicali di Fondazione Aida. Sono previsti interventi mirati a cura di Gerardo Cantieri, musicista.

    Annachiara Zanoli – Attrice 

    Annachiara Zanoli è attrice e doppiatrice diplomata alla Novarte scenica di Bologna nel 2016. Collabora con Fondazione Aida dal 2019 come attrice e formatrice in corsi di teatro per bambini dai 3 ai 18 anni.
    Dal 2020 è iscritta alla laurea triennale in Scienze dell’educazione e della formazione presso Unipegaso e dal 2022 al corso di perfezionamento in Medicina Narrativa presso l’università di Modena e Reggio Emilia.
    Nel 2021 e 2022 presta attività di volontariato presso il centro diurno L’officina dell’Aias, in cui si prende cura di adulti autistici.

    Alice Canovi – Attrice e Musicista

    Alice Canovi è cantante lirica diplomata al Liceo Musicale Carlo Montanari gemellato col conservatorio di musica Dall’Abaco di Verona nel 2011.
    Dal 2015 al 2018 frequenta l’Accademia Teatrale Veneta di Venezia in cui si diploma nel 2018. Nel 2019 cura l’allestimento musicale de: “Il Giornalino di Giamburrasca” per Accademia Teatrale Veneta e nello stesso anno inizia a collaborare con Fondazione Aida scrivendo e interpretando spettacoli di prosa e di propedeutica musicale. Da ottobre 2021 si occupa del un progetto teatrale musicale europeo “(In)differentJourney” per persone autistiche e con varie disabilità, collaborando con Casa Sebastiano, in Trentino.

    Gerardo Cantieri – Musicista

    Gerardo Canteri è musicista polistrumentista. Frequenta il Liceo Musicale Carlo Montanari di Verona perfezionandosi in strumenti a percussione nel 2012.
    Dal 2013 al 2017 si cimenta nello studio di chitarra, basso e pianoforte.
    Dal 2019, assieme ad Alice Canovi, realizza e compone le colonne sonore di numerosi spettacoli teatrali per Fondazione Aida.

    Info

    Per informazioni siamo disponibili ai seguenti recapiti 045.8001471 / 045.595284
    fondazione@fondazioneaida.it

    OFF LINE. Ritrovarsi a Teatro Corsi Gratuiti

    Se sei un ragazzo dai 14 ai 18 anni residenti in Veneto, in questo periodo ti sono mancate le relazioni con i tuoi coetanei e hai voglia di ripartire sei finito nel posto giusto.
    Hai la possibilità di iscriverti ai corsi gratuiti in presenza di OFF LINE. Ritrovarsi a Teatro in programma dal 23 settembre al 31 dicembre 2021.
    Noi di Fondazione Aida proporremo i nostri laboratori a Verona presso i Comuni di: Buttapietra (dal 23 settembre), Castelnuovo (dal 2 ottobre), Santa Lucia (dal 2 ottobre), Garda (dal 4 ottobre), Tregnago (dal 10 ottobre) e Villafranca (dal 14 ottobre).

    I corsi si terranno all’interno degli spazi messi a disposizione dalla scuole coinvolte.

    Una volta compilato invialo a promozione@fondazioneaida.it

    Contesto di riferimento OFF LINE. Ritrovarsi a Teatro

    In  una recente indagine condotta per conto di Save the Children il tema delle relazioni personali “dal vivo” rappresenta una delle privazioni che i ragazzi hanno sofferto di più in un’età, come quella dell’adolescenza, caratterizzata da grandi cambiamenti e scoperte. Si tratta di un “anno sprecato”, secondo il 46% degli adolescenti intervistati, ma che ha permesso loro di rendersi conto del valore della relazione con i coetanei. L’85% dei ragazzi afferma infatti di aver capito quanto sia importante il rapporto con gli amici e il relazionarsi “in presenza”, anche nell’ambito delle cosiddette attività extracurriculari come ad esempio lo sport, la musica, l’associazionismo, il teatro.

    Obiettivi

    Gli obiettivi del progetto OFF LINE. Ritrovarsi a Teatro sono principalmente quelli di offrire ai ragazzi l’opportunità di:

    • partecipare a corsi di teatro tenuti da professionisti e formatori che li possano aiutare a mitigare le forti ripercussioni negative causate della lontananza dalla scuola – in termini di socialità e di espressione della propria corporeità – con l’opportunità dell’incontro e della crescita personale
    • diffondere la cultura del teatro e della pratica teatrale, in particolare come strumento educativo e di conoscenza.

    I corsi a Verona

    Che cos’è il perdono?
    A cura di Annachiara Zanoli | Durata 20 ore

    Da giovedì 23 settembre 2021 | Presso il Circolo Noi di Marchesino. Parrocchia del Santissimo Redentore, 37060, Marchesino di Buttapietra (VR)

    Da sabato 2 ottobre 2021 | presso il centro aperto Bambù. Via Piazza Brodolini, 2 – zona Golosine, 37026, Santa Lucia (VR)

    Riusciamo a farne esperienza al giorno d’oggi? Si nasce caritatevoli o si può imparare a perdonare? Queste sono solo alcune delle domande che verranno poste ai ragazzi sul delicato tema del conflitto e del perdono. Con esercizi d’improvvisazione e tecniche teatrali ritroveremo la volontà di costruire relazioni e fare gruppo, con i nostri coetanei. È prevista la realizzazione di una riqualifica del posto che ci ospita. Con rappresentazione finale.

    Inseguendo Margherita

    A cura di Alice Canovi | Durata 20 ore
    Da lunedì 4 ottobre 2021 | Presso la Sala Polifunzionale Intrecciamo-ci di Garda. Piazza Donatori di Sangue, 37016, Garda (VR)

    Osservando la società che ci circonda cosa vediamo? È una società che ci rispecchia o ci sentiamo lontani da essa? Quali sono i caratteri spigolosi del mondo in cui siamo immersi? E ancora: è possibile un cambiamento? Durante questo laboratorio ci porremo tutte queste domande e molte altre ancora, avendo come guida uno dei romanzi più belli e fantasmagorici di sempre capace di indagare sulle crepe e sulle luci di una società: Il Maestro e Margherita di Bulgakov.

    Uno spazio che dona identità

    A cura di Enrico Ferrari | Durata 20 ore
    Da domenica 10 ottobre 2021 | presso il teatro parrocchiale di Tregnago. Via dei Bandi 58, 37039, Tregnago (VR)

    In una situazione laboratoriale ad essere messo in discussione è prima di tutto l’individuo. L’individuo come singolo e come parte di un gruppo. Il teatro è un’ottima chiave per entrare dentro se stessi, percepire le proprie potenzialità e fragilità, per capire come potenziare il lato debole o veicolare le energie. L’arte è proprio questo: mettere in scena se stessi attraverso una metafora protettiva. Il teatro è altresì un ottimo modo per sondare i conflitti, per metterli in scena e risolverli. Attraverso il gioco ma, soprattutto, attraverso la disciplina mediata dal gioco, il ragazzo può comprendere come ottenere un prodotto artistico degno di essere rappresentato. E ne trae soddisfazione. Ad essere analizzato è il corpo in quanto produttore di segni: un’intensa attività fisica affiancherà studi particolareggiati sull’uso dello spazio, il ritmo, la pausa, il silenzio, il corpo neutro, lo sguardo, la voce organica.

    Ogni fiore fiorisce a modo suo!

    A cura di Alice Canovi | Durata 20 ore

    Da giovedì 14 ottobre 2021 | Presso il Centro Giovani. Via Fantoni 44, 37069, Villafranca (VR)

    Molto spesso ognuno di noi è troppo concentrato ad inseguire quello che succede fuori piuttosto che ascoltare quello che risuona dentro. Soprattutto durante l’adolescenza è facile sentirsi fuori posto, sentire che il dentro non coincide con il fuori e così vince facilmente la voglia di omologarsi ad un sentire comune che però rimane vuoto e privo di significato.

    Questo laboratorio mira proprio a stimolare i ragazzi a sviluppare una profonda fiducia nella propria unicità, nella propria creatività e fantasia, un percorso che li possa aiutare a scoprire e nutrire il proprio linguaggio, il proprio mondo umano e creativo e ad accettare così anche i mondi degli altri, sostenendo la diversità e l’inclusione. Come in natura ogni fiore fiorisce a modo proprio e con i propri tempi, cosi ognuno di noi deve imparare a conoscere e ad apprezzare ogni propria caratteristica in modo da sbocciare nel proprio modo unico e speciale. Questo sarà l’obbiettivo principale del laboratorio: riconoscere il proprio valore e quello degli altri e fiorire insieme.

    ROMETTA&GIULIEO

    A cura di Rossella Terragnoli | Durata 30 ore
    Da sabato 2 ottobre 2021 | Presso il teatro DIM. Via San Martino 4, 37014, Castelnuovo del Garda (VR)

    Liberamente tratto dal libro di Jadelin Mabiala Gangbo

    “Rometta è una studentessa: sta preparando una tesina su un film di Greenaway. Giulieo è un consegna pizze cinese. Una sera, in una falsa fine inverno, mentre la luna grassa splende in fondo alla via, i due ragazzi si incontrano. Giulieo è appiedato con la sua vespa piagata dalla ruggine e ormai vicina alla tomba, Rometta sta uscendo da una pizzeria, dove ha brindato da sola ai suoi vent’anni. Così ha inizio una grande e tormentata storia d’amore contemporanea, che porta nell’oggi contrasti e sentimenti, secondo la matrice rivisitata della grande tragedia shakespeariana.”

    Il laboratorio prevede l’elaborazione e la messa in scena finale di un testo. Il copione, già esistente come struttura portante, si nutrirà delle improvvisazioni guidate volte al conseguimento di una messa in scena finale. Il corso prevede una breve introduzione teorica ed è rivolto massivamente alla pratica di palcoscenico. All’analisi del testo e alla sua rappresentazione si accompagnano gli obiettivi di vivere la pratica teatrale come massima esperienza di convivenza civile e il riconoscimento del valore della propria Presenza e di quella altrui.

    Per info e iscrizioni: compila il modulo e invialo a promozione@fondazioneaida.it – 045/8001471

    Partner

    OFF LINE. Ritrovarsi a Teatro è finanziato dalla Regione del Veneto – Area Politiche Economiche, Capitale Umano e Programmazione Comunitaria – Direzione Formazione e Istruzione.
    Partner capofila del progetto è Isfid Prisma, il partenariato operativo di Arteven – Circuito Teatrale Regionale, di altri partner territoriali accreditati quali Circolo Cultura e Stampa Bellunese società cooperativa sociale, Enaip Veneto impresa sociale, I.Ri.Gem. società cooperativa, Fondazione AIDA, Job Centre s.r.l., La Esse società cooperativa sociale, oltre al partenariato di rete di Legacoop Veneto.

    Ci riprendiamo tutto quello che è nostro! Online

    Ci riprendiamo tutto quello che è nostro! Racconti di 4 animali ecologisti è un laboratorio creativo per bambini e ragazzi ideato e condotto da Giulia Bonuccelli, in arta Creativitata.

    Obiettivo

    Con un piccolo gruppo di bambini e ragazzi realizzeremo la serie illustrata “Ci riprendiamo tutto quello che è nostro! Racconti di 4 animali ecologisti”. L’obiettivo principale è quello di dare sfogo alla creatività sia dal punto di vista della scrittura che da quello, prettamente artigianale, della realizzazione di oggetti.

    Tematiche

    Le illustrazioni verteranno sulla tematica fondamentale dell’inquinamento e su come questo fattore influisca sulla vita, in particolar modo degli animali che sono i veri protagonisti di questo progetto.

    Dal coniglio alla giraffa esotica passando per l’acquatica medusa scopriremo come ognuno di loro possa risentire degli effetti dannosi provocati dall’inquinamento.
    Cosa fare?
    Collaborare e darsi una mano.

    La mano di ciascun partecipante sarà proprio il filo conduttore dell’intero progetto: ogni animale verrà realizzato a partire dalla mano. Una mano che si collega all’altra fino ad arrivare all’ultima, la più importante che simboleggia il trionfo della natura. Da qui i racconti dei 4 animali ecologisti che regaleranno vita e speranza a un mondo inquinato.

    Nello specifico andremo a costruire, partendo dalla sagoma della propria mano, il coniglio, la medusa, la farfalla e la giraffa e ognuno di loro dovrà fare i conti con l’inquinamento e lo sfruttamento ambientale (il coniglio ha perso la tana, la medusa nuota in un mare di plastica, la farfalla non riesce a volare per le variazioni climatiche e la giraffa ha perso il suo habitat per il disboscamento) per portare a termine la missione: piantare un seme che si trasformerà in un magnifico albero (anch’esso costruito a partire dalla sagoma della mano e del braccio).

    Ci troveremo online dal 5 ottobre, ogni martedì alle ore 17.00 per circa un’oretta (cinque incontri).

    Giulia Bonuccelli

    Nasce a Pietrasanta il 29 Settembre del 1994. Fin da piccola si appassiona al teatro e all’età di 8 anni entra a far parte del Coro di Voci Bianche del Festival Puccini di Torre del Lago a cui rimane legata dapprima come comparsa e nel 2020 come assistente alla regia nell’opera Madama Butterfly curata da Manu Lalli.
    Dopo aver conseguito la maturità classica e la laurea triennale cum laude all’Università di Pisa in Discipline dello Spettacolo e della Comunicazione si trasferisce a Verona, nel 2018, per conseguire il Master di primo livello in regia lirica alla Verona Opera Academy. Nei tre anni successivi collabora con diversi registi fra cui Vivien Hewitt, Alberto Paloscia e Stefano Trespidi nei teatri di Livorno (Goldoni), Fidenza (Magnani), Modena (Comunale), Busseto (Verdi), Cremona (Ponchielli), Milano (San Babila) e all’Arena di Verona.

    Scopri tutti i nostri corsi per bambini (online e in presenza) e per adulti, disponibili anche con 18App.

    Corsi di teatro per bambini e ragazzi / In presenza

    A seconda dell’età proponiamo due corsi di teatro per bambini e ragazzi. Abbiamo così la possibilità di declinare gli esercizi e le attività a seconda delle peculiarità dell’età del partecipante.

    • 6/10 anni

    • 11/13 anni

    Corsi di teatro per bambini e ragazzi: finalità didattiche

    Il corso di recitazione per ragazzi che proponiamo è un viaggio alla scoperta del mondo del teatro, un modo per divertirsi e crescere insieme. Il teatro diventa così un gioco magico nel quale ognuno può trovare il proprio ruolo attraverso creatività, fantasia e relazione con l’altro. Uno spazio dedicato alle attività quali gioco, sogno, silenzio, sorriso, corsa, movimento che nutrono l’anima del bambino. Proporremo inoltre una piccola messa in scena finale

    Un’indimenticabile esperienza di vita, vissuta in un ambiente stimolante, mai competitivo per far crescere una maggiore consapevolezza rispetto alle peculiarità individuali, verso se stessi e in un gruppo.

    Obiettivi e contenuti

    • scoperta di sé e della propria parte creativa e intuitiva tramite l’improvvisazione e  i giochi teatrali
    • maggiore consapevolezza emotiva
    • creazione del gruppo e di una creatività partecipata

    Nei nostri corsi di teatro per bambini e ragazzi fondamentale è inoltre l’aspetto legato alla creatività manuale come la realizzazione di piccole scenografie e oggetti di scena. Uno spazio viene inoltre dedicato all’introduzione di alcuni elementi basi del teatro, quali: spazio, tempo, musica, personaggio e messa in scena.

    Docente Annachiara Zanoli

    Attrice e doppiatrice diplomata nell’accademia di doppiaggio “Novarte scenica”, nasce nel 1996. Dal 2015 collabora con l’associazione contro la violenza sulle donne “Isolina e…”, adattando testi a letture teatrali che esegue nelle scuole secondarie di primo e secondo grado. Dal 2018 collabora con la “Delmiglio editore” per letture di presentazione dei nuovi libri in catalogo e conduce laboratori di teatro dai 3 ai 13 anni in varie associazioni di Verona, tra queste Fondazione Aida.

    I corsi si terranno in presenza a Verona presso il Centro Circoscrizionale dello Stadio via Brunelleschi 12. Dal 19 ottobre 2021, ogni martedì (la prima lezione vale come prova, gratuita, previa prenotazione formazione@fondazioneaida.it / 347 8226461).

    Orari:  6-10 anni dalle ore 16.30 alle 18.00, 11-13 dalle ore 18.15 alle 19.45 . I corsi durano 10 lezioni.

     

    Viene rilasciato un certificato di partecipazione. E’ prevista una piccola messa in scena finale (da valutare a seconda della situazione sanitaria in corso). I corsi in presenza si tramuteranno direttamente online nel caso di eventuali chiusure determinate dalla pandemia e solo per il tempo necessario.

    Se state cercando un corso di teatro per bambini online non perdete La Magia in un filo, cinque lezioni sul tema delle relazioni.

    La magia in un filo / Online

    La magia in un filo

    Attraverso la storia di un gomitolo capace di collegare la mente e i cuori i bambini impareranno ad apprezzare l’importanza delle relazioni. In La magia in un filo ci serviremo degli strumenti del teatro come i gesti e il suono della nostra voce per creare uno spartito collettivo capace di abbracciare le parole di tutti e far capire l’importanza della vera connessione, quella tra esseri umani.

    Attraverso giochi di immaginazione e improvvisazione in questo corso i bambini guidati da Alice Canovi saranno gli autori di una storia dove troveranno spazio: desideri, sogni, segreti e pensieri capaci di correre più veloce della connessione Wi-Fi.

    Riproponiamo La magia in un filo a novembre 2021.
    Vai alla sezione dedicata ai corsi per bambini e ragazzi  e quella dei corsi per insegnanti e adulti 

    Docente

    Alice Canovi: attrice e musicista Veronese. Cantante lirica, si diploma anche all’Accademia teatrale Veneta nel 2018 nella quale collabora come assistente musicale, realizzando gli arrangiamenti musicali de: Il Giornalino di Gianburrasca. Dal 2018 tiene laboratori teatrali e musicali per bambini e ragazzi, è attrice della nostra fondazione.

    Dove e quando

    Online dal 27 ottobre 2021 ogni mercoledì dalle ore 17.00 alle 18.00.

     

    Resta in contatto con noi!

    Compilando correttamente il modulo che segue, ti aggiornaremo su spettacoli, eventi, iniziative della fondazione








    Privacy Policy

    Quando invii il modulo, controlla la tua posta in arrivo per confermare l'iscrizione. La tua iscrizione non sarà attiva finchè non verrà confermata