•   Chi siamo
  •   Spettacoli e Progetti di Lettura
  •   Teatri e rassegne
  •   Progetti
  •   Formazione e laboratori
  •   ITA

Programma:

Domenica 19 gennaio 2020 ore 16.30
HANSEL E GRETEL FRATELLI DI CUORE
Compagnia Ortoteatro di Pordenone – dai 5 anni
C’erano una volta due fratelli. Uno alto così (più alto) e uno alto così (più basso). Quello alto così (più alto) era una femmina e si chiamava Gretel. Quello alto così (più basso) era un maschio e si chiamava Hansel. Hansel, che era il più piccolo, aveva paura dei grandi. Ogni volta che ne vedeva uno, le gambe gli tremavano, così! Ma Gretel, che era grande così e dei grandi non aveva paura, lo difendeva sempre dicendo: Lascia stare mio fratello! Gretel, invece, anche se era grande così, aveva paura dei ragni. Quando ne vedeva uno gridava: Aiuto! Un ragno! Ma Hansel, che dei ragni non aveva paura, lo prendeva in mano dicendo: non preoccuparti Gretel, adesso questo ragnetto lo porto fuori. E Gretel faceva un grande sorriso. Insomma: Hansel e Gretel si volevano molto bene, e quando stavano insieme si sentivano così forti che nessuno avrebbe potuto far loro del male. Così inizia la nostra storia. Lo spettacolo prende spunto dal lavoro di un anno con insegnanti e bambini sul “dare un nome alle emozioni, dare un nome ai sentimenti”. Ed ecco due bambini che conoscono l’importanza del condividere. Ecco una mamma (non matrigna), che vuole bene con tutto il cuore ai suoi due figli. E che, come tutte le persone del mondo, vive la gioia e la felicità, ma anche la malinconia e, a volte, quando la fanno proprio spazientire, la rabbia di un momento. Siccome “è difficile fare il bambino della propria mamma”, Hansel e Gretel partono per un’avventura nel bosco, dove incontreranno alberi parlanti, animali affamati di briciole, fate e folletti. E, naturalmente, la perfida strega Rosicchia. Storia per ridere, storia per avere paura, storia per crescere, storia che fa battere il cuore...

*****************************

Domenica 26 gennaio 2020 ore 16.30
LE QUATTRO STAGIONI E IL PICCOLO VENTO
Compagnia Fondazione Aida di Verona - dai 5 anni 
Sulla base delle musiche de “Le quattro stagioni” di Antonio Vivaldi, un esempio di musica a soggetto vitale e ricca d'inventiva, si snoda questa frizzante storia che segue con sorrisi e poesia le avventure di Piccolo Vento attraverso le stagioni e i loro cambiamenti: paesaggi, colori, profumi, sfumature, suoni...e musiche. Con l'aiuto dei tre attori in scena, Piccolo Vento parla al pubblico attirando l'attenzione dei bambini sull'osservazione delle piccole cose della natura e sull'ascolto del racconto musicale. I tre attori in scena, alternandosi in danze e narrazioni, giocheranno insieme ai bambini ad ascoltare le parole di Piccolo Vento, e ad accompagnarlo alla ricerca della sua mamma Zefiro, scivolando armoniosamente da una stagione all'altra. 
Lo spettacolo è liberamente ispirato al libro “Le quattro stagioni” di Chiara Carminati e Pia Valentinis (Rizzoli), le cui illustrazioni diventano parte viva della scenografia. Lo spettacolo è vincitore del prestigioso premio "Briciole di fiaba".

*****************************

Domenica 02 febbraio 2020 ore 16.30
IL MAGO DI OZ
Compagnia Febo Teatro di Padova – dai 4 anni
La piccola Dorothy, una bambina che vive nel Kansas assieme ai propri zii e a Toto, il suo cane, viene scaraventata da un ciclone improvviso in un paese popolato da strani personaggi. Con la sua casa atterra nel villaggio dei Succhialimoni, degli ometti bizzarri che le mostrano da subito la loro gratitudine: la bambina ha ucciso la Strega cattiva dell’Est, che ha avuto la peggio schiacciata dalla caduta della casa. Quello che resta di lei sono delle scarpe d’argento che Dorothy indossa senza capire quali grandi poteri nascondano. Il suo unico pensiero è quello di fare ritorno a casa, ma pare che il solo che possa aiutarla è il Mago di Oz. Dorothy, quindi, altro non può fare che andare a cercare il Grande e Terribile Oz che si trova al centro di quel magico regno. Lungo il cammino che la condurrà dal Mago, Dorothy incontra lo Spaventapasseri, il Boscaiolo di Latta e il Leone Vigliacco. Ognuno di loro pensa di avere un vuoto da colmare, come se mancasse loro qualcosa per essere ciò che desiderano, per questo hanno bisogno anche loro dell’intervento del Mago di Oz. Il racconto scenico è e rimane un meraviglioso, perfetto, libro. Lo Spaventapasseri crede di aver bisogno di un cervello, il Boscaiolo di Latta di un cuore e il Leone di coraggio, mentre Dorothy non vuole fare altro che ritornare nel suo paese. Durante il viaggio alla ricerca del Grande Mago di Oz, ognuno di loro, affrontando le proprie paure per superare gli ostacoli che incontrerà lungo il percorso, mostrerà di possedere già ciò che pensava gli mancasse.
Da sempre considerata una delle favole più belle per l'infanzia, il Mago di Oz conserva intatto il suo fascino anche grazie alle numerose interpretazioni che negli anni ne sono state date; esistono molteplici letture possibili di questo meraviglioso viaggio, noi ci siamo rivolti direttamente al testo di Baum cercando di evidenziarne l'aspetto più "fantastico" legato a quell'esperienza attraverso cui tutti siamo passati: quel pericoloso e tortuoso cammino che è il crescere, il diventare grandi. Ci vuole decisamente cervello, cuore e coraggio!

*****************************

Domenica 09 febbraio 2020 ore 16.30
MISTER ECOSCHIAPPA
Compagnia Noveteatro di Fabrico (RE)
Lo spettacolo nasce dalla volontà di compiere un’azione di educazione ambientale che non venga registrata come una serie di precetti astratti né tantomeno come una predica, ma che venga vissuta come un momento di svago, leggerezza e divertimento. Incuriosendo i più giovani alle tematiche ambientali, interessandoli alle buone pratiche e ai virtuosi comportamenti, porteranno anche a casa dubbi, soluzioni, speranze condivisi insieme. Lo spettacolo, attraverso le immagini e le animazioni, le parole e le voci degli attori, racconta la giornata normale di un personaggio molto particolare: Mister Ecoschiappa. Mister Ecoschiappa è un eroe negativo che in maniera esagerata sbaglia sistematicamente tutto: da quando porta fuori il cane a quando decide di disfarsi dei rifiuti ingombranti, a quando la barriera del suono è infranta dai decibel della sua radio e diverse altre situazioni. Per risolvere i disastri ecologici di Mister Ecoschiappa compare sulla Terra la Dottoressa Alfabeta, un’aliena incuriosita dal perché gli umani inquinino l’ambiente senza farsi troppi scrupoli. La Dottoressa è pronta ad informarci attraverso aneddoti e curiosità di come le cose vanno, sono andate e potrebbero andare nel mondo, dei cosa, dei come e dei perché. Mister Ecoschiappa è in realtà un personaggio in cui tutti noi potremmo identificarci almeno una volta e questo, oltre che attirare la nostra simpatia, ci lascia con un messaggio positivo: alla fine Mister Ecoschiappa cambia e diventa un Ecoeroe, un nuovo supereroe della quotidianità che antepone a tutto il bene dell’ambiente, perché il bene dell’ambiente è il nostro bene.

 

Sala civica Unione Europea
La biglietteria aprirà dalle ore 15:30
Famiglie - Biglietto unico € 5,00
Ingresso gratuito: bambini fino al compimento del terzo anno di età e disabili

 

All
Photo
Video

Appuntamenti

Video

LA RICERCA NON HA DATO RISULTATI

Partners

CHIUDI
Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti necessari al suo funzionamento ed utili alle finalitá illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o cliccando su un qualsiasi link, acconsenti all‘uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui.