•   Chi siamo
  •   Spettacoli e Progetti di Lettura
  •   Teatri e rassegne
  •   Progetti
  •   Formazione e laboratori
  •   ITA
Il Grande Torino, un allenatore ebreo e la follia della Shoah

Ispirato a Il misterioso segreto degli invincibili (Grappolo di Libri, 2019) di Simone Dini Gandini

IL PROGETTO

Il segreto degli Invincibili racconta uno dei periodi più bui della storia italiana ed europea, quello della follia nazifascista durante la Seconda Guerra Mondiale, attraverso la storia di un uomo, Ern? Erbstein, calciatore prima e allenatore poi, che con la sua straordinaria professionalità ha saputo creare il mito di una delle squadre di calcio che ogni italiano ha nel cuore: il Grande Torino. Il calcio è quindi il pretesto per raccontare quegli anni tetri, così da restituire al pubblico un affresco dell'Italia stretta nella morsa del fascismo, nella quale, comunque, c'è stato chi ha avuto la forza e il coraggio di rimanere umano. Di resistere. Contestualmente, seguendo la parabola sportiva del Grande Torino, si assisterà anche all'entusiasmo, all'energia e alla voglia di riscatto e rinascita degli anni subito seguenti alla guerra, anni in cui i granata dominavano appunto il campionato di calcio mentre l'Italia a due ruote si divideva tra il tifo per Coppi e quello per Bartali, il tutto correlato da immagini d'archivio dai Cinegiornali, radiocronache e articoli di giornale dell'epoca. In scena un attore, Valerio Ameli, che, con pennellate leggere, dipingerà il quadro di quell’Italia e ripercorrerà insieme a Erbstein la sua rocambolesca fuga dalle Leggi fascistissime e il suo internamento in campo di lavoro. Un musicista polistrumentista, Andrea Faccioli, accompagnerà invece gli spettatori nelle melodie degli anni '20, '30 e '40, canzonette sotto la cui apparenza frivola spesso si nascondevano messaggi sovversivi, pericolosi per il Regime fascista.

 

Crediti:
Produzione: Fondazione AIDA
Drammaturgia: Simone Dini Gandini
Regia: Manuel Renga
Con: Valerio Ameli e Andrea Faccioli
Produzione: Fondazione Aida
In collaborazione: con CHRONOS3
Scenografie e costumi: Gilda Li Rosi e Guglielmo Avesani

Tecnica utilizzata: Teatro d'attore e proiezioni
Fascia di età: dagli 11 anni (scuola secondaria di primo e secondo grado)

Appuntamenti

Video

LA RICERCA NON HA DATO RISULTATI

Partners

CHIUDI
Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti necessari al suo funzionamento ed utili alle finalitá illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o cliccando su un qualsiasi link, acconsenti all‘uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui.