•   Chi siamo
  •   Spettacoli e Progetti di Lettura
  •   Teatri e rassegne
  •   Progetti
  •   Formazione e laboratori
  •   ITA

Fondazione Aida ha realizzato questa mostra in collaborazione con il Centro Rodari di Pontedera e Tittivillus Edizioni, con la consulenza straordinaria della moglie dell'autore, che ha gentilmente concesso buona parte dei materiali in esposizione.

Si tratta di una mosta che vuole illustrare - per la prima volta - il rapporto tra Rodari e il teatro, il rapporto quindi tra il grande maestro della narrativa per ragazzi e gli artisti che in qualche modo si sono ispirati alla sua opera per illustrare, creare scenografie, regie, musiche, testi, teatri...
In primo piano non vi sarà quindi solo Rodari, ma anche il suo più grande illustratore, Emanuele Luzzati, straordinario 'interprete' delle sue storie con le sue illustrazioni, ma anche scenografo dei suoi spettacoli.

La mostrà è composta da 70 quadri, da moltissimi materiali inediti, fotografie, bozzetti originali, disegni, manifesti, burattini e altro ancora. Immagini mai viste di Gianni Rodari in rapporto con il teatro "alto", lo Stabile di Roma o di Torino, ma anche con quello "basso", gli spettacoli di burattini ai quali, come dice Mariano Dolci: "Rodari avrebbe voluto scrivere di più".

All
Photo
Video

Appuntamenti

Video

LA RICERCA NON HA DATO RISULTATI

Partners

CHIUDI
Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti necessari al suo funzionamento ed utili alle finalitá illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o cliccando su un qualsiasi link, acconsenti all‘uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui.