•   Chi siamo
  •   Produzioni teatrali
  •   Teatri e rassegne
  •   Progetti
  •   Formazione e laboratori
  •   ITA

Lunedì 13 novembre

ore 10:00

La classe non è, solo, acqua

Fondazione Aida

dai 5 agli 8 anni

C’è un posto un po’ speciale nel Parco del Delta del Po, dove l’acqua di mare incontra l’acqua di fiume: la scuola Pollicino. La maestra è una piccola seppia rosa appassionata di storie e i suoi alunni sono pesciolini di acqua salata e d’acqua dolce che hanno imparato a vivere insieme. Lo spettacolo è una storia di confluenze: di caratteri e ambienti diversi, di fiumi affluenti di parole e di racconti di mondi lontani.
Uno spettacolo per parlare di multiculturalità e di convivenza, ma anche del mondo affascinante del Parco del Delta del Po di cui rievoca gli abitanti e le parole. Lo spettacolo utilizza le tecniche del teatro di narrazione e di animazione con pupazzi ispirati alle illustrazioni di Simone Frasca.

 

Lunedì 27 novembre
ore 10:00

Il Principe Capriccio

Fondazione Aida

dai 3 ai 7 anni

Il Principe Capriccio è un piccolo tiranno: vuole comandare a tutti, perfi no alla Maestra e ai suoi compagni di classe, che gli obbediscono perché hanno un po’ paura. Ma ecco che un giorno un terribile pericolo incombe sulla Scuola: la cattivissima Strega Tuberosa sta per arrivare in classe con la chiara intenzione di mettere fuori gioco il Principe e rapire la Bella Caterina per mettersela in pentola. Ecco il momento buono per Principe Capriccio di dimostrare il suo valore: grazie alle parole magiche gentili che la Maestra gli ha suggerito, riuscirà a sconfi ggere la strega, allergica alla gentilezza e alla bellezza.
Una favola che, con uno scoppiettante alternarsi di giochi, di trovate fantasiose e di canzoni, parla in maniera dolce e poetica di amicizia, gentilezza e affetto.

 

Martedì 19 dicembre
ore 10:00

Buon Natale, Babbo Natale!

Fondazione Aida

dai 5 ai 10 anni

E se Babbo Natale non potesse più portare i doni ai bambini come fa da sempre puntualmente ogni anno? Il Natale rischierebbe di diventare un giorno come tanti altri, anzi, più triste e noioso. In questi ultimi tempi è molto ingrassato, mangia solo delle grosse caramelle colorate mandategli da un ammiratore sconosciuto e non ne vuole proprio sapere di mettersi a dieta. Ma la cosa peggiore è che gli è passata anche la voglia di volare con la sua slitta. Per fortuna Federico e Chiara, i bambini protagonisti di questa storia, alla fine troveranno il modo di aiutare Babbo Natale e tra colpi di scena e gran divertimento, il Natale sarà salvato!

 

Lunedì 15 gennaio
ore 10:00

I promessi sposi

Ispirato a I Promessi Sposi, canovacci di Commedia dell’Arte e documenti storici vari

Teatro Immagine

dai 12 anni

Lo spettacolo non è recitato, bensì giocato, e offre il lato festoso del teatro dove l’attore non è uno strumento di un testo, di un regista, d’una scenografia, ma di se stesso. Cinque attori e un musicista rappresentano questa saga infinita: Lucia diventa la Contessina Attilia che si traveste da gendarme mentre Agnese fa il Griso, Renzo si trasforma in Don Rodrigo, Don Abbondio è la Monaca di Monza ed Azzecca Garbugli è anche Padre Cristoforo, il tutto coronato dalle allegre note di una fisarmonica.
Ogni attore ha allo stesso tempo il doppio ruolo d’artefice e vittima delle proprie azioni per narrare al pubblico una storia immortale, drammatica e crudele, ironica e grottesca, tenera e romantica, ma soprattutto attuale.

 

lunedì 22 gennaio
ore 10:00

L’amico ritrovato

Tratto dall’omonimo romanzo di F. Ulhman

Fondazione Aida

dagli 11 anni

Hans e Konradin sono due giovani sedicenni che vivono nella Germania ai tempi in cui il Nazismo sale al potere. Hans ha origini ebree e Konradin proviene da una nobile famiglia tedesca. Tra i due ragazzi nasce un’amicizia profonda e sincera. Ma non è destinata a durare: Hitler sale al potere e in Germania gli ebrei si sentono sempre più in pericolo. Solo dopo molti anni, raggiunto da una lettera, Hans rilegge i nomi dei compagni e tra quelli elencati legge, con grande stupore e commozione, anche il nome di Konradin. Proprio leggendo quella lettera, Hans si rende conto di aver ritrovato, almeno nel suo cuore, l’amico che credeva perduto.

 

Lunedì 29 gennaio
ore 10:00

Gianburrasca

Tratto da “Il giornalino di Gian Burrasca” di Vamba

Fondazione Aida

dai 6 agli 11 anni

Un diario pieno di pagine bianche è il regalo che Giannino Stoppani riceve in occasione del suo nono compleanno: pagine bianche tutte da riempire di fatti e di… misfatti. Lo spettacolo mette in scena le avventure di un bambino vivace e pieno di gioia di vivere, in un momento in cui i bambini non ricevono più in dono diari con fogli bianchi da riempire con i racconti di sé, ma sempre più oggetti elettronici con i quali imparano a vivere solo in un mondo pre-costruito e virtuale che riduce la loro capacità fantastica.
Mettere in scena il Giornalino di Gian Burrasca vuol dire riproporre una storia di altri tempi, forse un po’ “fuori moda”, ma che riesce a parlare ancora oggi di un mondo fatto di sentimenti semplici, ma forti, un mondo lontano, ma che ha ancora molto da dire.

 

Lunedì 5 febbraio
ore 10:00

Sogno di una notte di mezza estate

Ispirato al testo di William Shakespeare

Fondazione Aida

dai 7 ai 10 anni

Questo testo ha tutti gli elementi per una fiaba perfetta per questo si presta per la trasposizione ai bambini: fiori magici, asini parlanti, incantesimi, sono gli elementi di un racconto senza tempo che ammalia e diverte. Una notte di tempesta. In una stanza, un attore ripassa la sua parte. Poi si addormenta e allora accade l’impensabile: tutto si trasforma e la stanza diventa un bosco. Un elfo e una fata scherzano, bisticciano, si raccontano storie tra il fruscio delle foglie. L’attore si sveglia e tra loro inizia un gioco, il gioco del teatro. Tra travestimenti e gag riascolteremo le vicende mitiche di Oberon e Titania, dei loro litigi che sconvolgono la natura e delle loro tregue che riportano la pace.

 

Lunedì 26 febbraio
ore 10:00

Il Principe Felice

Tratto dall’omonimo racconto di Oscar Wilde

Fondazione Aida

dai 5 ai 10 anni

E' la storia di una profonda amicizia che nasce tra un rondinotto e un principe, ormai statua impreziosita da gioielli pregiati. Amicizia che evolverà fino a diventare amore e condivisione di una sorte apparentemente amara. Nonostante l’arrivo imminente dell’inverno, la rondine rimane per aiutare il principe a distribuire le sue ricchezze ai poveri e ai diseredati della città, dei quali il principe non si era mai accorto quando era in carne ed ossa, perché costretto a vivere perennemente felice dentro le mura del suo invalicabile castello.
Lo spettacolo vuole essere dolce, vivace, ironico e commovente proprio come lo è la fiaba capolavoro di Oscar Wilde che sa unire sapientemente tutti questi elementi senza mai indugiare troppo sull’uno o sull’altro.

 

Lunedì 5 marzo
ore 10:00

Una storia a tempo di Jazz

Tratto dal libro “The people could fly” di Virginia Hamilton

Fondazione Aida

dai 5 agli 8 anni

Si può raccontare il jazz ai bambini in modo assolutamente naturale, come si racconta una favola o si legge una filastrocca? Certo che lo è, se consideriamo che nella vita i suoni vengono sempre prima della parola. Il jazz e tutta la sua storia è fatto soprattutto di suoni, di ritmi. Proprio per questo giocheremo con filastrocche, parole, musica dal vivo e brevi storie già note ai bambini per spiegare loro con semplicità, naturalezza e divertimento il canto e la melodia.

 

Lunedì 12 marzo
ore 10:00

Il paese delle favole a rovescio

Ispirato alle filastrocche di Gianni Rodari

Fondazione Aida

dai 4 ai 9 anni

Un viaggio fuori dal comune dove la fantasia sarà protagonista incontrastata. Un treno in partenza con un carico di personaggi insoliti pronti a raggiungere le destinazioni più impensate. Questo il filo conduttore di uno spettacolo che, grazie ai testi e alle filastrocche di Gianni Rodari, permette al giovane pubblico di visitare luoghi da sogno come il “Paese dei Bugiardi” o il “Paese delle Favole al Rovescio”.
Una tappa di stazione in stazione per crescere insieme apprezzando i cambiamenti e le novità della vita.

 

Lunedì 19 Marzo
ore 10:00

Il Mago di OZ

Ispirato al libro di L. Frank Baum

Fondazione Aida

dai 3 agli 8 anni

La piccola Dorothy viene scaraventata da un ciclone improvviso in un paese popolato da strani personaggi. Il suo unico pensiero è quello di fare ritorno a casa, ma pare che il solo che possa aiutarla è il Mago di Oz. Lungo il viaggio Dorothy incontra lo Spaventapasseri che crede di aver bisogno di un cervello, il Boscaiolo di Latta alla ricerca di un cuore e il Leone che ha perso il suo coraggio. Camminando insieme ognuno di loro affronterà le proprie paure mostrando di possedere già ciò che pensava gli mancasse. Per raccontare la storia utilizzeremo le macchine che, prima degli strumenti digitali venivano usate in Teatro per riprodurre i suoni come quello del vento o quello dei tuoni, e grazie alla quali verranno creati effetti magici e paesaggi coloratissimi.

 

Lunedì 26 marzo
ore 10:00

Le quattro stagioni e il piccolo vento

Testo ispirato a “Le quattro stagioni” di Chiara Carminati

Fondazione Aida

dai 4 agli 8 anni

Questa frizzante storia si snoda sulla base de “Le quattro stagioni” di Antonio Vivaldi, un esempio di musica a soggetto vitale e ricca d’inventiva, che segue con sorrisi e poesia le avventure di Piccolo Vento, attraverso le stagioni e i loro cambiamenti: paesaggi, colori, profumi, sfumature, suoni... e melodie.
Con l’aiuto dei tre attori in scena, Piccolo Vento parla al pubblico, attirando l’attenzione dei bambini sull’osservazione delle piccole cose della natura e sull’ascolto del racconto musicale. I tre attori in scena, alternandosi in danze e narrazioni, giocheranno insieme ai bambini ad ascoltare le parole di Piccolo Vento e ad accompagnarlo alla ricerca della sua mamma Zefiro, scivolando armoniosamente da una stagione all’altra.

 

 

Lunedì 9 aprile
ore 10:00

Novecento - La leggenda del pianista sull’oceano

Tratto dal romanzo di Alessandro Baricco

Novecento continua ad essere, a quasi vent’anni dal debutto, tra i monologhi più rappresentati ed apprezzati dal grande pubblico. L’opera, ulteriormente consacrata al successo nel 1998 grazie alla realizzazione cinematografica di Giuseppe Tornatore "La leggenda del pianista sull’oceano", narra la singolare storia di Danny Boodman T.D. Lemon Novecento,nato su una nave e di lì mai sceso. L’uomo che suonava una musica indefinibile, che non esisteva, ma che faceva innamorare tutti quelli che passavano su quel piroscafo, il Virginian.

 

Tutti gli spettacoli saranno messi in scena al Teatro ai colli di Padova

 

La rassegna è organizzata dal Teattro fuori Rotta con la collaborazione di Fondazione Aida 

All
Photo
Video

Partners

CHIUDI
Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti necessari al suo funzionamento ed utili alle finalitá illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o cliccando su un qualsiasi link, acconsenti all‘uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui.