Visita la nostra pagina facebook Visita la nostra pagina Twitter Visita la nostra pagina YouTube Visita la nostra pagina Video Visita la nostra pagina Blogspot Contattaci via email
 
 
 
 
Home
Chi siamo
Sostienici
News
Newsletter
Biglietteria online
Ricerca Interna
Produzioni teatrali e mostre
Biblioteca teatrale
Corsi e Laboratori
Formazione professionale
Lavora con noi
Multimedia ed editoriali
Progetti ed eventi
Sorsi d'autore 2014
Teatri a Verona
Teatro Valle dei Laghi > Vezzano
Teatro Anselmi > Pegognaga
Teatro Comunale > Marmirolo
Teatro F. Martini > Trecenta
Rassegne Teatrali
Affitti spazi
Produzioni teatrali e mostre Teatro ragazzi
La coperta di Natale

produzione: Fondazione Aida
da un'idea di
: Flora Sarrubbo e Joe Chiericati
con
: Flora Sarrubbo/Marina Fresolone e Federico Vivaldi
musiche: Joe Chiericati
tecnico audio: Riccardo Carbone/Simone Meneghelli
tecnico luci: Claudio Modugno
illustrazioni: Andrea Lacagnina
regia: Flora Sarrubbo

Ispirato alle suggestioni di Dickens, Rodari e di autori contemporanei


Nella cittàincuituttosibutta a finire nella bocca del Grande Divoratore sono anche le parole dei libri sul Natale. I personaggi dei librimaipiùletti non riescono per questo, a proferire frase che sia sensata e raccontano filastrocche al contrario, cantano canzoni natalizie parlando dell'estate, persino i personaggi del presepe non riescono più a comunicare e cercano di farlo attraverso un assurdo gioco di gesti e suoni.
Una vera e propria babilonia di frasi sconnesse, parole inventate, rime storpiate. Il Grande Divoratore orchestra questo disordine e i personaggi dei librimaipiùletti eseguono impazziti una sinfonia assurda di fonemi, onomatopee, nonsense. Saranno un Vecchiodallabarbalunga e una Vecchiadalpiedestorto a estrarre dal Grande Divoratore le parole perdute e a ricucirle pazientemente. Mentre la Grande Coperta delle parole viene cucita, come d'incanto i personaggi tornano a raccontare le loro storie, a giocare con le loro filastrocche, a cantare le loro canzoni É la notte del 24 Dicembre.

Lo spettacolo nasce dall'idea di raccontare storie partendo dal gioco delle parole perdute, le parole che private della possibilità di avere un senso, non esprimono più il significato del Natale. Il Natale ritrovato è il Natale raccontato, cantato, tramandato. Partendo dal caos nelle quali si sono perse, le storie tornano ad essere raccontate grazie a due personaggi, nei quali è facile identificare le figure più vicine ai bambini della tradizione natalizia, ma che assumono caratteristiche quasi clownesche nei ritmi e nei movimenti.

Elemento fondamentale dello spettacolo sarà la musica, alla quale sarà affidato il compito di accompagnare i giochi di parole iniziali e le canzoni che faranno parte della narrazione delle storie natalizie.

Lo spettacolo ha ricevuto nel dicembre 2011 il prestigioso riconoscimento del "Premio Teatro delle famiglie 2011".

 

“La coperta di Natale” è dedicato a tutti i bambini che iniziano a giocare con le parole, con l'augurio che possano difenderle come il bene più prezioso.
Non richiedendo particolari esigenze sceniche, lo spettacolo può essere proposto all'interno di teatri, biblioteche e scuole.
È inoltre a disposizione del pubblico il cd della fiaba sonora dello spettacolo.

tenica utilizzata: teatro d'attore
fascia d'età
: 4-10 anni
durata: 50 minuti
esigenze tecniche: palcoscenico 8x7x5 m; oscurabilità necessaria; quadratura nera con quinte; carico elettrico 20 Kw; montaggio 4 ore; smontaggio 3 ore

Produzioni teatrali e mostre
Data pubblicazione: 25/08/2010
2424 Visualizza
Video
Video non caricato
Allegati
Gallery